La nostra officina sicura anche contro il Covid19

20-131917-26-02

L’attuale emergenza sanitaria rischia di congelare anche la necessaria e obbligatoria manutenzione dei veicoli. E vi sono spostamenti necessari o addirittura indispensabili, come per chi non può lavorare da casa. Chi deve comunque muoversi in auto, a cominciare dagli infermieri, medici e operatori sanitari e farmacisti, ma anche a tutte le persone che devono utilizzare l’auto per andare a lavoro o anche semplicemente fare la spesa, può farlo. Infatti, il decreto del capo del Governo sull’epidemia in corso, oltre al lavoro e la salute o la spesa, riconosce anche la riparazione dei veicoli tra i motivi che autorizzano gli spostamenti.

Riparto, all’avanguardia anche nella prevenzione dei contagi di coronavirus. «Abbiamo scelto non solo di continuare a dare i nostri servizi a chi ha bisogno comunque di muoversi in questo complicatissimo periodo – spiega il titolare Maurizio Marino -. Ma abbiamo deciso di farlo in massima sicurezza,  mettendo in campo una strategia anti-coronavirus. In pratica, rendendo sicuri tutti i luoghi di lavoro e ogni spazio dell’azienda».

In cosa consiste concretamente questa strategia?
«Attuiamo comportamenti responsabili, tutti, e ci siamo dotati di tutto ciò che serve per garantire un perfetto isolamento di tutte le parti a contatto con i nostri operatori, che utilizzano idonei dispositivi di protezione personale a norma di legge. Praticamente i veicoli non vengono mai toccati a mani nude da noi. Come facciamo? Ecco le misure di sicurezza anti-Covid attuate da Riparto».

1) In ogni veicolo, copriamo sempre con cellophane monouso tutte le parti a contatto diretto: il volante, il sedile, la leva del cambio e il freno a mano. 

2) I nostri tecnici hanno tutti i dispositivi di protezione individuale a norma e certificati: guanti monouso in lattice, che gettano al termine di ogni lavorazione su quella singola auto, e indossano sempre le migliori mascherine professionali. 

3) Maniacale rispetto delle distanze tra persone, grazie agli ampi spazi dei nostri locali. Abbiamo oltre 2mila metri quadri. Ogni operatore oltre a lavorare sempre con la mascherina professionale, ha di solito larga distanza dai colleghi.

4) I clienti sono sempre a debita distanza tra di loro.

5) La relazione con il cliente è in estrema sicurezza, nel rispetto di tutti, nostra e loro: l’accettazione e la cassa le abbiamo dotate di appositi separatori in plexiglass, che sanifichiamo su entrambi i lati. 

6) Sala d’attesa senza preoccupazioni: i clienti si siedono ad almeno 3  metri di distanza l’uno dall’altro. 

7) Macchinetta del caffè sanificata 4 volte al giorno, ogni 2 ore. 

8) Usiamo esclusivamente mascherine certificate FFP2 e anche le FFP3. Non sono le mascherine “da battaglia” che filtrano poco o pochissimo, ma hanno altissima capacità protettiva.

È bene ricordare che le mascherine FFP2 catturano il 92% delle particelle che si trovano nell’aria, fino a dimensioni di 0,6 micrometri (un micrometro corrisponde a millesimo di millimetro). 
Le FFP3, invece, non lasciano passare il 98% delle particelle con dimensioni fino a 0,6 micrometri e sono inoltre in grado di filtrare particelle tossiche, cancerogene e radioattive. Sono le mascherine utilizzate nei reparti di infettivologia e terapia intensiva. Sono sufficienti a garantire la prevenzione dai rischi biologici aereodispersi, come la  saliva o il muco infetti. «Noi le indossiamo quando accompagniamo il cliente che deve lasciare l’auto in officina . Ma attenzione: il trasporto avviene in massima sicurezza anche perché la nostra auto con cui li trasportiamo non solo viene sanificata con agente biocida ad ogni singolo trasporto, ma monta una speciale barriera in plexiglass, che separa noi che guidiamo dalla persona che trasportiamo sul sedile posteriore». 

Rinviare la manutenzione può minacciare la sicurezza. Oggi l’efficienza della tua auto è in mani sicure da Riparto, non solo perché ha un team di soli professionisti. 
Ma anche perché quelle mani lavorano in massima sicurezza sanitaria. 

In questo periodo così delicato, Riparto è ancora più vicina alle persone con lo
SCONTO DAL 30 AL 50% (in base al tipo di ricambio)

GRATIS igienizzazione dell’abitacolo con biocida specifico presidio medico – chirurgico alla riconsegna dell’auto

Frena che è meglio…

45132900_1357944244342688_3531005979703377920_o

Pastiglie freni quando cambiarle?

L’usura delle pastiglie dipende dal numero di km percorsi e dallo stile di guida. Saper controllare le pastiglie dei freni è molto importante: le pastiglie consumate possono ridurre in maniera significativa l’efficienza della frenata. Ciò avviene anche quando il disco freno è danneggiato: questo componente, tuttavia, può essere sostituito con minore frequenza rispetto alle pastiglie. Nella maggior parte dei casi, la sostituzione delle pastiglie freni deve essere effettuata ogni 45000 km circa. Per capire quando sostituire pastiglie freni, è possibile eseguire due tipi diversi di controllo. Innanzitutto, bisogna dare un’occhiata al cruscotto alla spia del cambio pastiglie, se l’indicatore luminoso risulta acceso bisogna procedere con la sostituzione. Un’altra spia da tenere sotto controllo è quella del liquido dei freni: un livello minimo, segnalato sempre da una spia sul cruscotto, può essere legato all’usura delle pastiglie. Per sapere quando cambiare pastiglie freni, è possibile procedere anche con un semplice controllo visivo guardando attraverso il cerchio ruota. Dove fare la sostituzione delle pastiglie freno? Cambiare pastiglie freni in officina non richiede una spesa particolarmente elevata. I meno esperti, che non hanno idea su come sostituire le pastiglie dei freni, non dovrebbero mai rischiare di danneggiare la propria vettura; in questo caso, perciò, si consiglia sempre di fare riferimento a un’officina specializzata dotata di tutta l’attrezzatura necessaria.

IL CAMBIO AUTOMATICO

LEVA CAMBIO     

Dopo quanti chilometri va controllato e sostituito l’olio del cambio?

Il tagliando periodico al cambio automatico consente fluidità della guida ed innesti morbidi e silenziosi ed è assolutamente raccomandato per cambi automatici….

E’ di vitale importanza non affidarsi ad un tecnico qualunque.

Perchè appoggiarsi ad un meccanico specializzato in cambi automatici per effettuare il tagliando al cambio automatico?

Un meccanico specializzato è in grado di suggerirti la giusta scadenza per effettuare la manutenzione periodica, può riconoscere eventuali avvisaglie di futuri problemi al cambio automatico della tua vettura e quindi può aiutarti a prevenirli,  sa scegliere l’olio e gli additivi migliori e specifici per il tuo cambio automatico.

La scelta dell’olio da utilizzare per il tuo cambio automatico è tutt’altro che facile e scontata.

Per questo è importante che tu ti affidi solo a persone esperte che sanno dove mettere le mani. Questo per evitare spiacevoli e costose sorprese.

Consigliamo una manutenzione sistematica ogni 60.000 – 70.000 km di percorrenza.

LA BATTERIA

batteriaauto_0

 

La batteria è uno degli elementi dell’auto a cui prestare particolare attenzione.

Cosa fare se la batteria dell’auto si scarica? Quanto dura una batteria?

Per evitare che la batteria si scarichi bastano pochi accorgimenti. Prima di tutto è bene tenere sotto controllo la carica della batteria stessa, almeno una volta ogni 6 mesi con un semplice tester da elettricista.

Se non si usa la vettura per molto tempo è consigliato ricorrere ad un mantenitore di carica che provvede a mantenere stabile il livello di carica della batteria.

Tra i consigli più conosciuti c’è poi quello di non dimenticarsi i fari accesi a vettura spenta, oppure di non ascoltare per un periodo di tempo troppo prolungato la radio a vettura spenta poiché si scaricherebbe in fretta.

Infine, girata la chiave è consigliato aspettare che si spengano le spie dal quadro strumenti prima di procedere all’ accensione del motore, per evitare di rovinare sia il motorino d’accensione che la batteria stessa.

Raccomandiamo di cambiare la batteria dell’auto ogni 3-4 anni perché con il tempo tende a perdere la sua capacità di mantenere la carica ed impiega più tempo per caricarsi mediante l’alternatore.

WEATHER CONTROL A005

                                                                                       WEATHER CONTROL A005
                                                                                       VETTURA/SUV / 4X4
                                                                                           – Migliore etichettatura per aderenza sul bagnatoBridgestone WEATHER CONTROL A005
                                                                                           – Omologato per l’inverno
                                                                                           – Resistenza superiore all’usura

 

BRIDGESTONE LANCIA IL SUO NUOVO PNEUMATICO 4 STAGIONI

22234-bridgestone-weather-control-a005-battistradaBridgestone, lancia Weather Control A005, il pneumatico 4 Stagioni che aiuta gli automobilisti a godersi il viaggio, in qualsiasi stagione.

Capacità di frenata su fondo bagnato e durata complessiva Sono i due principi alla base del nuovo pneumatico quattro stagioni Bridgestone Weather Control A005. Interamente progettato e sviluppato dagli ingegneri del Bridgestone Technical Center di Roma presenta un battistrada caratterizzato da un disegno direzionale a “V” unito alle lamelle dall’innovativa forma a “Z” e scanalature ad alto volume sulla spalla.
(altro…)

TAGLIANDO AUTO

6TAGLIANDO AUTO Il tagliando auto dovrebbe essere fatto seguendo le indicazioni riportate sul libretto di uso e manutenzione della casa automobilistica, perché la frequenza con cui fare il tagliando può variare dal tipo di motore, di alimentazione e di altre caratteristiche dell’auto. Il range del chilometraggio per il tagliando auto è tra i 15.000 e i 30.000, ma le auto più moderne possono arrivare a prevedere un tagliando ogni 35.000 km. (altro…)

REVISIONE PERIODICA

5REVISIONE PERIODICA Per quale ragione è obbligatoria la revisione delle auto? il Codice della Strada prevede che i veicoli a motore ed i loro rimorchi durante la circolazione debbano essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l’inquinamento. Nel regolamento stesso sono stabilite le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali ed a quelle dei dispositivi di equipaggiamento che devono essere periodicamente controllate durante la revisione auto. (altro…)